Madre e blogger insegna trucchi contro il rapimento dei bambini.

Una delle paure condivise da tutti i genitori è quella di perdere i propri bambini. Ecco perché  Jodie Norton dello Utah, madre di quattro figli, ha diffuso queste informazioni su come i bambini dovrebbero agire in situazioni di emergenza di questo tipo. E purtroppo, un giorno, la donna ha visto mettere in pratica ai due dei suoi figli, di 8 e 10 anni rispettivamente, queste conoscenze.

Jodie si era svegliata una mattina e mentre faceva la doccia aveva avvertito un forte dolore all'ovaio sinistro. Con fatica, era riuscita a mettersi in auto, insieme ai due bambini, e a dirigersi verso il pronto soccorso. Aveva quindi chiamato un vicino dicendo di passare in ospedale e prendere i bambini per portarli a scuola. Mentre la donna veniva visitata - le si era rotta una cisti - i bambini erano in sala d'attesa, aspettando il vicino che da un momento all'altro sarebbe dovuto passare a prenderli.

pin

Quello che ancora Jodie non sapeva e che ci sarebbero voluti 40 minuti all'uomo per arrivare in ospedale, e non 5 come pensava. Il vicino si trovava lontano dall'ospedale. Ed è stato solo quando i bambini sono usciti da scuola - alle 15:30 - che la donna è venuta a sapere quello che era successo in quei 40 minuti di attesa.

Mentre si trovavano su una panchina, una donna e due uomini si erano avvicinati chiedendo loro di andare in bagno a parlare con un uomo, per convincere quest'ultimo ad andare dal medico. I bambini avevano risposto più volte di no, nonostante gli adulti fossero molto insistenti. "Per favore, potreste proprio salvargli la vita se andaste in bagno a convincerlo", aveva detto uno dei tre. Ma i figli di Jodie erano rimasti fermi sul loro no, fino a quando poi non era arrivato il vicino. A quel punto erano andati verso il parcheggio e avevano visto i 3 individui che li avevano avvicinati, insieme a un quarto uomo, che si allontanavano.

pin

"La mia sorpresa e la mia rabbia si sono attenuate quando ho sentito che CJ aveva usato una delle nostre 'pratiche di sicurezza' nel momento giusto. Si trattava di una cosa su cui avevamo lavorato e parlato molto a lungo in casa e che lo ha aiutato a capire che quegli individui non avevano buone intenzioni". CJ, il maggiore dei due, ha poi spiegato: "Sapevo che si trattava di malintenzionati, perché ci hanno chiesto aiuto. E gli adulti non chiedono aiuto ai bambini".

Proprio come la madre gli aveva insegnato: un adulto non chiederebbe mai aiuto a un bambino. Jodie ha un blog sul quale scrive consigli per i genitori per come rendere indipendenti e responsabili i propri figli. E in effetti le sue idee si sono rivelate molto utili nel momento giusto. Se anche voi avete dei figli, date un'occhiata a quanto suggerisce la donna. Su questo link il blog in lingua inglese. Buona lettura!

Commenti

Scelti per voi