Non più legno: da oggi ad ardere saranno luminose schegge di vetro.

Avete mai sentito parlare di un'invenzione che va sotto il nome di fire glass? Si tratta di minuscoli pezzi di vetro temprato che possono essere sottoposti a temperature molto elevate. E sono davvero un incanto, quando li si vede accesi nei camini.

La creazione ha avuto inizio tra il 2000 e il 2010 e da allora il fire glass è diventato molto popolare come decorazione per case, alberghi e ristoranti. La fiamma che si crea, una volta acceso, è davvero unica.

Ma la procedura di creazione non è così semplice. Il vetro riciclato non può essere usato nel fuoco: non è abbastanza resistente e bruciando ad alte temperature può liberare sostanze tossiche.

Tuttavia, grazie a uno speciale processo di lavorazione, il vetro riciclato può diventare a prova di fuoco.

Accendere il fire glass è abbastanza semplice: dopo che il prodotto è stato messo in un recipiente ignifugo ci si versa sopra dell'alcool puro. Il vantaggio della fiamma prodotta è che non diffonde sostanze tossiche nell'aria.

C'è anche un altro modo per far bruciare il fire glass: basta mettere sul pavimento un fornello a gas e coprirlo con il "vetro magico". Non si tratta semplicemente di una bella idea decorativa, il vetro rilascia calore quattro volte più intensamente del fuoco normale.

Davvero una bella idea e anche sicura, non c'è rischio di fumo e sembra proprio la soluzione perfetta nel caso si abbiamo vicini facili alle lamentele.

In questo modo non dovrete più rinunciare a una piacevole serata intorno al fuoco, ed è possibile utilizzarlo anche in ambienti chiusi senza correre pericoli.

Commenti

Scelti per voi