10 falsi miti da sfatare sul Medioevo

Nel corso della storia europea, il Medio Evo si riferisce all'epoca tra la fine dell'antichità e l'inizio dei tempi moderni - che corrisponde più o meno al periodo tra il VI e il XV secolo. Quando si parla di Medioevo, l'associazione di idee più frequente è anche quella più scorretta, perché nessuna epoca è oggetto di pregiudizio così tanto.

Con il passare del tempo i falsi miti su questo periodo storico persistono. Il problema fondamentale risiede nella difficoltà della ricostruzione dei fatti in modo oggettivo e neutrale, a causa della scarsità di fonti affidabili. Queste lacune sono state poi colmate poco dopo l'inizio dell'era moderna da una buona dose di fantasia - che ha permeato anche l'ideologia.

Ecco quindi 10 falsi miti da sfatare sull'epoca medievale:

1. La gente non usava le posate

Nel Medioevo, le posate, composte da un cucchiaio e un coltello, erano considerate un bene personale che la gente portava sempre con sé. Le forchette non erano ancora usate a tavola - ma solo le posate da taglio. Bisogna aspettare fino al tardo Medioevo prima che le forchette vengano realizzate in Europa, anche se poco diffuse. Queste forchette erano d'argento, il che lascia supporre che fossero riservate alle tavole nobili.

©Pixabay/VIVIANE6276

L'uso delle forchette da pranzo sembra provenire dall'Oriente. Le tradizioni parlano di una principessa di Bisanzio che fu la prima ad usare una forchetta. Un cardinale nel tardo Medioevo si indignò per questo comportamento, poiché la funzione della forchetta era demonizzata nell'Europa di allora.

2. Le donne non avevano diritti

In realtà, le donne medievali godevano di molti più diritti rispetto alle donne di altre epoche in Europa: potevano ereditare, possedere beni e disporne liberamente, decidere da sole a chi lasciare in eredità i loro beni, lavorare indipendentemente e guadagnare denaro. Inoltre, le donne sposate erano le padrone di casa e avevano il controllo sia sul bilancio familiare che su quello personale.

©Pixabay/rottonara

3. La gente credeva che la Terra fosse piatta

La forma sferica del pianeta Terra è conosciuta fin dall'antichità. In Europa, le persone sospettarono per la prima volta che la Terra potesse essere una sfera circa 2.500 anni fa. Il filosofo greco Platone fu uno dei primi a trarre conclusioni logiche sulla forma sferica della Terra.


Fu solo 200 anni dopo Platone, che il matematico Eratostene riuscì a calcolare la circonferenza del pianeta Terra. Secondo i suoi calcoli misurava 40.000 chilometri, che corrispondono più o meno alle dimensioni che conosciamo oggi. Questa scoperta si perse nel corso dei secoli per essere poi riscoperta solo in tempi moderni.

4. Le persone non invecchiavano

Secondo questo mito, la speranza di vita nel Medioevo si aggirava intorno ai 30 anni. Tuttavia, l'aspettativa di vita media nel Medioevo era bassa a causa dell'altissima mortalità infantile per malattie. Se una persona raggiungeva l'età adulta senza ammalarsi gravemente, c'erano buone possibilità che vivesse fino a 60-70 anni.

©Pixabay/rottonara

5. La gente non si lavava

La mancanza di igiene personale si trova in cima alla lista dei falsi miti sul Medio Evo. Naturalmente, la gente non era così pulita come oggi, grazia alla disponibilità costante di acqua corrente e calda. Eppure, la popolazione si lavava regolarmente e curava la propria igiene personale.

6. Le streghe venivano bruciate vive

Si tratta semplicemente di un caso di tempismo sbagliato: la caccia alle streghe in Europa ha avuto luogo soprattutto nel primo periodo moderno. Nell'alto Medioevo, la Chiesa negò l'esistenza delle streghe e condannò la credenza nella stregoneria come eresia intorno all'anno 900. Le donne che sostenevano di essere streghe venivano cacciate dai villaggi.

7. I vichinghi indossavano elmi con le corna

Il vichingo come guerriero con le corna è un'immagine errata, poiché risale all'opera "l'anello del Nibelungo" di Richard Wagner, un ciclo di quattro drammi musicali risalente agli anni precedenti il 1876, nel quale i guerrieri norreni si esibirono indossando elmi cornuti, ma questa fu pura immaginazione artistica del regista.

©Pixabay/Garyuk31

8. I cavalieri erano uomini nobili

La cavalleria è un'invenzione del XIX secolo, che culminò nei racconti leggendari che presentavano un'immagine estatica del periodo medievale, mentre la realtà era ben diversa. I cavalieri andavano in battaglie sanguinose, rubavano, uccidevano, violentavano e in molti modi contraddicevano l'immagine romantica che molti hanno ancora oggi di loro.

©Pixabay/InWay

9. La Chiesa rallentò lo sviluppo della scienza

La maggior parte degli scienziati erano essi stessi uomini di chiesa. Per esempio, era compito dei monaci - dato che erano tra i pochi in grado di leggere e scrivere all'epoca - trascrivere gli scritti antichi e documentare il sapere. Dopo che Giordano Bruno fu bruciato sul rogo come eretico nel 1600, solo tre anni dopo fu fondata in Vaticano la prima accademia papale di studiosi che si dedicava alla propria ricerca scientifica. Mentre lo faceva, naturalmente, nello spirito della fede cattolica, la scienza era comunque avanzata.

10. Le donne sposate dovevano indossare le cinture di castità

Questo mito afferma che gli uomini nel Medioevo costringevano le mogli ad indossare la cintura di castità per assicurare l'astinenza dai rapporti sessuali in assenza dei mariti. In realtà, la cintura di castità viene menzionata per la prima volta nel 1400 a Padova, Italia, anche se è più probabile che si trattasse di un giocattolo erotico. Non ci sono prove che la cintura di castità esistesse già nel Medioevo. È molto più probabile che si tratti di un mito inventato e diffuso durante il periodo barocco.


Se ci pensate, ancora oggi permangono espressioni linguistiche legate al Medioevo che si riferiscono generalmente a qualcosa di brutto, oscuro e arretrato. Questo è in gran parte dovuto ai falsi miti che si sono diffusi tramite le credenze popolari durante le epoche successive al Medioevo, che hanno contribuito nel tempo a veicolare l'immagine di una "età oscura".

Di seguito trovate altri articoli di storia:

Fonte: brightside

Immagine di copertina: ©Pixabay/rottonara ©Pixabay/VIVIANE6276

Commenti

Scelti per voi