5 manie di controllo tipiche dei genitori spazzaneve

Sembra assurdo ma è vero, esistono genitori che passano più tempo ad organizzare gli appuntamenti dei propri figli che i propri. Fino a che i bambini hanno una certa età, questo comportamento è ancora comprensibile. Ma se un genitore continua a trattare i suoi bambini "piccoli" allo stesso modo anche dopo i 12 anni, allora dovrebbe chiedersi se effettivamente non appartenga alla categoria dei cosiddetti genitori "spazzaneve". 

Allo stesso modo dei famigerati "genitori elicottero", anche i genitori spazzaneve ronzano sempre intorno ai propri figli. Ma questo tipo di genitore si caratterizza anche per la tendenza a "spazzare" tutti gli ostacoli che si presentano sulla strada dei propri figli, da cui il termine spazzaneve. Per fare ciò i genitori in questione fanno di tutto per avere il controllo su ogni aspetto della vita dei propri piccoli. Come potrete constatare dai 5 punti che elenchiamo di seguito, il tutto inizia con manie di controllo per l'educazione precoce, ad esempio attraverso il nuoto, e continua all'asilo e a scuola, con conseguenze devastanti per i bambini.

Padre e figlio in giardino

1.) Ossessione per l'educazione precoce 

Nuoto per neonati, massaggio per neonati PEKiP (Programma di Praga per genitori ed infanti) e molto altro ancora; i genitori spazzaneve partecipano a tutti i corsi possibili e immaginabili. Non è mai abbastanza quello che si fa per promuovere lo sviluppo del proprio figlio, giusto? Alcuni bambini piccoli convivono facilmente con un'organizzazione serrata del tempo libero, altri invece soffrono lo stress e si sentono sotto pressione. Infatti, il ritmo delle loro giornate è dettato dagli impegni o addirittura è sbilanciato in quanto sono sempre bombardati da stimoli.  

Per i genitori, si tratta certamente in parte di passare del "tempo di qualità" con il loro bambino e di rafforzare il legame con loro. Ma in ultima analisi si tratta anche di preparare il bambino a conseguire risultati il  più presto possibile.

Padre e figlio in piscina

2. Ossessione per i compiti a casa

Da un lato, i genitori spazzaneve mostrano un grande interessamento per il rendimento scolastico dei loro figli, ma dall'altro creano anche molta pressione. Raramente tollerano che il bambino faccia qualcosa da solo. Al contrario, intervengono costantemente, per esempio, ricordando al figlio le scadenze e le prove imminenti e, nel dubbio, facendo i compiti a casa loro stessi in modo che non ci siano errori.

Come conseguenze indesiderate di queste manie di controllo genitoriale, c'è ovviamente il fatto che i bambini non imparano mai a tenere conto dei propri impegni da soli e sviluppano la sensazione di non essere in grado di svolgere i propri compiti da soli. Di conseguenza si arrenderanno molto più facilmente quando i compiti sembrano difficili. 

Padre e figlio che fanno i compiti a casa

3.) Immischiarsi nei conflitti 

Al giorno d'oggi, andando al parco giochi, si vedono molti più genitori tra i giochi che seduti su una panchina a parlare con altri adulti. La vicinanza al bambino non serve solo per giocarci insieme, ma anche per intervenire nell'interazione del proprio figlio con gli altri. Molti genitori non riescono a sopportare quando due bambini litigano per un gioco. Ma non si tratta solo di difendere il proprio figlio, vogliono anche evitare che il loro bambino si comporti in modo "asociale" (ad esempio, non condividendo i suoi giocattoli), in modo da non creare scalpore e da essere escluso.

Ma intervenendo in qualsiasi conflitto, dal parco giochi fino ai litigi con i compagni di scuola, il bambino non svilupperà mai la capacità di interagire in maniera indipendente con le altre persone. Se qualcuno gli dice sempre come comportarsi con gli altri, non sarà inoltre mai in grado di di sviluppare empatia.

Bambini nella sabbia al parco giochi

4.) Protezione dalle frustrazioni

Il grande timore che aleggia costantemente sui genitori spazzaneve è che il bambino possa provare delusione, sia per quanto riguarda il suo rendimento scolastico e sportivo, sia nelle amicizie che nelle relazioni. Il grande problema, ora, è che è semplicemente impossibile controllare ogni passo della sua vita. Purtroppo ci sono altre persone che intervengono come variabili imprevedibili e, anche con il massimo controllo possibile, il bambino non sempre "funzionerà" al cento per cento come si vorrebbe. 

Quando arriverà il giorno in cui i bambini verranno bocciati a scuola o lasciati dal/la primo/a fidanzato/a e i genitori spazzaneve non riusciranno a mettere tutto a posto per la prima volta, il bambino sarà indifeso in balia di questa delusione, non avendo sviluppato alcun meccanismo di difesa. Nei casi peggiori, ciò potrebbe addirittura avere delle conseguenze psicologiche gravi. 

Bambino che fa i capricci

5.) Grandi aspettative 

La frase più detta e ridetta al mondo dai genitori "Voglio solo il meglio per te",  riassume perfettamente le motivazioni che spingono i genitori spazzaneve. Ma, ahimè, potrebbero volerlo un po' di più degli altri genitori. Una delle ragioni può essere il fatto che oggi non sia più scontato che i figli avranno una vita migliore dei propri genitori. Anche una formazione scolastica elevata non è una garanzia per un lavoro ben retribuito. Inoltre, anche se si è trovato un buon lavoro, di solito è per un periodo di tempo limitato, mentre era ancora abbastanza normale che la generazione dei genitori avesse un posto di lavoro sicuro.

Madre e figlia alla festa di laurea

Chiaramente è difficile per ogni genitore rimanere calmo, quando si tratta del bene del proprio figlio. Ma intervenire ad ogni potenziale pericolo o problema, non è assolutamente d'aiuto. I bambini piccoli imparano meglio dai propri errori, anche se non è il più piacevole dei modi (soprattutto per i genitori che staranno a guardare). Chi rimuove gli ostacoli come uno spazzaneve, in modo che non disturbino il bambino, al tempo stesso priva il proprio figlio di una serie di esperienze di vita che lo renderanno più forte e lo prepareranno alle sfide future.

Commenti

Scelti per voi