In Giappone dei ricercatori vogliono allevare degli animali con organi umani!

Minotauri, arpie, sirene, già dall'antichità le creature per metà animali e per metà umane perseguitano l'immaginazione umana.

Ora questi ibridi potrebbero diventare realtà: il governo giapponese ha concesso l'autorizzazione per effettuare i primi esperimenti scientifici con l'obiettivo di allevare organi di ricambio per i trapianti.

Nel mondo della ricerca scientifica molti sono scettici nei confronti di questa pratica. Il professore di Harvard Karl Lauterbach, parla di "un'enorme violazione etica":

"L'allevamento di ibridi tra uomo e animale oltrepassa dei limiti che l'uomo non dovrebbe superare."

Patricia Piccinini’s Curious imaginings. Vancouver Biennale

Symbolbild (Kunstwerk von Patricia Piccinini)

Altri esperti, invece, sembrano essere affascinati da questa possibilità. Quali sono allora i pro e contro di questi esperimenti scientifici?

Perché servono organi di ricambio?

Le persone che sono in lista per un trapianto di organi sono moltissime e tante muoiono perché non si trovano dei donatori adatti, i quali diminuiscono ogni anno di più. I medici, dunque, sono in cerca di alternative.

Organ transplant

Quali sono le novità di questo esperimento?

Come tutti ben sanno, il mulo è il risultato dell'accoppiamento tra un asino e una cavalla, poi c'è il ligre, l'unione tra leone e tigre, e il delfino-balena. Negli anni '20 in Unione Sovietica ci furono persino tentativi fallimentari di incroci tra uomini e scimmie.

Ma le cosiddette "chimere", ovvero gli esseri ibridi creati artificialmente, hanno poco a vedere con questi esempi. L'esperimento del team del giapponese Hiromitsu Nakauchi si focalizza sulla creazione di un organismo composto da cellule diverse ma non materiale genetico diverso, ad esempio un normalissimo maiale, ma con un cuore umano.

Già nel 1984 l'esperimento ebbe successo. Nel 2013, alcuni ricercatori hanno piantato delle cellule umane nel cervello dei topi, i quali hanno mostrato un'intelligenza superiore. Tuttavia, l'aspetto davvero innovativo, e angosciante, del progetto di ricerca di Nakauchi è che già gli embrioni vengono allevati con cellule umane. Ciò comporterà una maggiore percentuale di cellule umane e la possibile presenza di cellule umane anche nel cervello.

082

Gli argomenti pro

Prima di tutto le chimere sono ormai abbastanza diffuse, in quanto i tessuti animali vengono già utilizzati nella donazione di organi.

Per quanto riguarda la questione del maltrattamento degli animali, dal punto di vista morale allevare un animale solo per poi utilizzarne gli organi per le donazioni non è più orribile che farli a pezzi e mangiarli.

Peter Dabrock, Presidente del Consiglio etico tedesco sottolinea: "i Giapponesi hanno annunciato che procederanno passo dopo passo, vogliono essere monitorati esternamente e hanno segnato una linea rossa da non superare."

Gli argomenti contro

Per i critici del progetto si tratta di una questione morale: per ottenere le cellule staminali embrionali bisogna uccidere embrioni umani.

Ancor più cruciale è la questione della possibilità, rara ma esistente, di creare degli animali con caratteristiche umane.

Inoltre, il rischio di sviluppare creature ibride è elevato soprattutto negli animali particolarmente simili all'uomo, spiega Rüdiger Behr, del Centro tedesco di ricerca sui primati. Vale dunque la pena considerare altre alternative meno rischiose.

Patricia Piccinini

Symbolbild (Kunstwerk von Patricia Piccinini)

Cosa fare? Favorire l'enorme potenziale della ricerca scientifica che potrebbe permettere a migliaia di persone di vivere? O stabilire dei limiti morali da non superare nell'interesse del progresso medico?

L'esperimento giapponese degli embrioni-chimere solleva la difficile questione della differenza tra uomo e animale. Cosa significherebbe un maiale con organi umani o una scimmia con un cervello umano? Quali diritti avrebbero questi ibridi?

Commenti

Scelti per voi