Il microchip sottocutaneo nella mano sta prendendo piede nella penisola scandinava

Si dice che se si getta una rana nell'acqua bollente, questa salterà immediatamente fuori per scappare. Invece, bisognerebbe metterla in acqua tiepida e poi aumentare lentamente la temperatura. In questo modo non si accorgerà di essere bollita viva.

Una metafora che può essere applicata anche a noi stessi e al nostro cammino verso il futuro. Possiamo avere nella nostra mente le visioni del futuro di tutti i film di fantascienza, ma difficilmente ci rendiamo conto che attraverso il nostro progresso tecnologico e scientifico, il futuro è già qui.

Un esempio di come il nostro presente assomigli sempre più a un film di fantascienza è ciò che si sta verificando recentemente nella penisola scandinava. In Svezia, Paese noto soprattutto per gli ABBA e l'IKEA, sta avvenendo niente meno che la fusione tra uomo e macchina.

pint1

Di fatto, i pazienti con pacemaker o protesi nel corpo possono già essere considerati delle specie di cyborg, dettato da un beneficio medico. Ma ciò che sta accadendo in Svezia è un potenziamento tecnologico del corpo corpo per tutt'altri scopi.

 
 
 
 
 
Sieh dir diesen Beitrag auf Instagram an
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Ein Beitrag geteilt von Sandra Würthner (@sandra_wuerthner) am

Molti svedesi hanno impiantato tra il pollice e l'indice della mano un microchip, delle dimensioni di un chicco di riso che è destinato a sostituire tutte le schede elettroniche come la carta di credito, l'abbonamento ai mezzi pubblici o il tesserino del lavoro.

Su questo microchip sottocutaneo è anche possibile memorizzare profili di social media o link a documenti personali quali la cartella medica e quella esattoriale, creando una vera e propria identità digitale.

Scannerizzando il microchip sottocutaneo con uno smartphone o un altro lettore, è possibile visualizzare direttamente le informazioni personali, ad esempio, per controllare la validità del biglietto o aprire le porte.

 
 
 
 
 
Sieh dir diesen Beitrag auf Instagram an
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Ein Beitrag geteilt von Bendissimo Workman (@datmimeguy) am

Il microchip sottocutaneo è leggibile tramite "Near Field Communication" (NFC) - la stessa tecnologia usata nelle carte di credito a contatto. Quando viene attivato da un lettore a pochi centimetri di distanza, i dati vengono trasmessi tramite onde elettromagnetiche.

Le ferrovie svedesi offrono già dal 2017 la possibilità di usare il microchip sottocutaneo per i trasporti pubblici. Nel giugno 2017, da 100 a 200 passeggeri hanno approfittato di questa offerta. Nel seguente video potete vedere come funziona:

Inoltre, il microchip sottocutaneo è "passivo", il che significa che può solo essere letto, ma non può leggere alcuna informazione. Questa tecnologia non è ancora dotata di GPS, ma potrebbero in linea di principio esserne dotati, il che permetterebbe poi di localizzarli - e con essi la persona che li indossa.

Alla fine del 2018, circa 4.000 svedesi avevano già un microchip sottocutaneo impiantato nella mano e la tendenza è in continuo aumento.

Il chip, compresa l'installazione, costa l'equivalente di circa 160 euro. Molte aziende offrono anche questo servizio ai loro dipendenti gratuitamente, spesso combinato con le corrispondenti celebrazioni del caso - come le feste aziendali. Nella compagnia di viaggi TUI Svezia, per esempio, 1 dipendente su 5 ha già accettato questa offerta gratuita.

Questo video mostra la procedura che non causa ferite. Il microchip sottocutaneo, una volta impiantato, è visibile solo quando si preme su di esso (vedi l'immagine qui sotto).

 
 
 
 
 
Sieh dir diesen Beitrag auf Instagram an
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Ein Beitrag geteilt von Bendissimo Workman (@datmimeguy) am


La società svedese è tendenzialmente disinibita quando si tratta di sperimentazione di nuove tecnologie e diffusione di informazioni personali e dati sensibili. Per esempio, ogni cittadino è autorizzato a chiedere alle autorità fiscali lo stipendio di qualcun altro.

Tuttavia, ci sono anche voci fuori dal coro: i dati sul chip potrebbero essere letti e usati impropriamente; le aziende potrebbero usare i chip per controllare e monitorare i loro dipendenti; inoltre, la reazione a lungo termine del corpo all'impianto non è ancora nota.

 
 
 
 
 
Sieh dir diesen Beitrag auf Instagram an
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Ein Beitrag geteilt von Sandra Würthner (@sandra_wuerthner) am

Alla fine, per ora, ogni cittadino è ancora libero di scegliere se farsi fautore di questo progresso tecnologico ispirato dal transumanesimo, quel pensiero che incoraggia l'uso delle scoperte scientifiche e tecnologiche per aumentare le capacità fisiche e cognitive dell'uomo. Trattandosi di una tecnologia recente ancora in sviluppo è bene essere coscienti di tutti i benefici ma anche dei rischi che ne potrebbero derivare.

Più di 4.000 svedesi hanno già scelto il microchip sottocutaneo. E voi cosa ne pensate?

Immagine di copertina: ©Instagram/sandra_wuerthner; Instagram/datmimeguy

Commenti

Scelti per voi